--------------------http://lecerveau.mcgill.ca/intermediaire.php http://www.lamassoneria.it/ --http://howtheworldreallyworks.info/

Sito dell'Associazione Italiana per lo Studio e Ricerca sui Comportamenti Violenti -CRCV- Italy. ---------- Violent Behavior and Prevention Research Center - VBRC -Au-- Lorenzi Alfredo, Neurobiol, Neurosc.Human Behavior Biosincr - Basil--Davis CA -- Karin Hofmann, Phd Aggressive Behavior--Au

Bossetti e il dilemma del Dna: un indizio non fa una prova.

E' vero. Il dna sui leggins di Yara è di Bossetti. Quindi, caso chiuso?
Vediamo. Il Dna nucleare è sufficiente per determinare l'appartenenza del profilo a un'unica persona? Si e no. Perché occorre tener conto che l'analisi della sequenza dei nucleotidi del Dna viene eseguita solo su un numero delimitato di punti (loci), non su tutto il Dna. In particolare, per le differenze, sono interessanti realmente solo le zone dette mute, cioè un numero ri ripetizioni elevate di sequenze di basi che non sono espresse, non originano alcun carattere, non codificano alcun prodotto proteico e proprio per questo sono spesso fondamentali.
Inoltre, è bene sapere che spesso per ottenere il risultato del profilo, si usa una euristica, basata su un programma di computer (anche per lo studio del genoma umano si fa uso di potenti elaboratori con software specifici).
Questo può portare a risultati amplificati di alcune sequenze e spostare il risultato rispetto alla elettroforesi in campo dipolo a gel, che è l'unica, specie se non si segue la Pcr (amplificazione del materiale) a dare una sicurezza sul campo.

Ma diciamo che si può asserire che il Dna di Bossetti si trova su Yara, sui suoi indumenti a quanto se ne sa e non risulta da tracce di sperma. Questo ha fatto dire che lo scopo dell'aggressione non era di tipo sessuale ma naturalmente si tratta di una applicazione euristica del pensiero. 
Infatti solo una attenta valutazione del modus operandi e di tutte le altre informazioni certe sul caso, possiamo fare un profilo della personalità dell'offender e anche della vittima.

Altro punto: quanti Dna sono stati ritrovati su Yara? Almeno altri tre, oltre quello di Bossetti. Quindi, se è vero che Bossetti non sa spiegare come sia finito il suo Dna su Yara, è anche vero che restano altre tre, ma forse credo anche 6 altre persone che dovrebbero essere con conosciute e spiegare perché il loro Dna si trova su Yara, come quello di Bossetti.

Guardate che questo è un punto fondamentale per il processo. Infatti se è vero che il Dna nucleare identifica Bossetti, è anche parimenti vero che anche gli altri Dna sono un indizio altrettanto valido.

Poi, mancano le informazioni di contesto e si è cercato, a mio avviso non riuscendoci a :
Provare che i rapporti tra i coniugi Bossetti non erano lisci, con tradimenti della moglie. (questo avrebbe causato una frustrazione sessuale di Bossetti);

che Bossetti faceva le lampade nella precedente sede, perché era in contatto con Yara, cosa del tutto improbabile,

che il furgone bianco era di Bossetti, filmato che è stato solo divulgativo, se non una caporetto per la giustizia,

le ricerche di ragazzine con fiche depilate sul pc di casa Bossetti, non è una prova in nessun senso, e come indizio, se provato, vale meno di una cicca,

che Bossetti avrebbe tentato di sfuggire durante le fasi dell'arresto, quando tutti abbiamo visto perfettamente che reazioni ha avuto e che popò di operazione è stata fatta per arrestare il presunto criminale, subito dopo messaggiato dal ministro Alfano e indicato quale arresto del colpevole.

In altre parole, il Dna non è da solo una prova ma è un indizio come tanti altri, certo e importante ma deve essere univoco, corroborato da altri indizi o meglio, da prove, le tanto sbandierate da tutti e vituperate prove.
E qui, nel caso Yara, di prove, realmente convincenti, non ce ne sono.


Su Rol, una riflessione breve.

Rol, un uomo particolare, non un mago, né un colto e raffinato intellettuale,

controllo dei sintomi della fibromialgia con cannabis e psilocibina.

La cannabis contiene una ventina di sostanze psicotrope, ma solamente un paio

Ultime note sul file Orlandi

E' un ultimo riepilogo, praticamente a richiesta, per quei pochi in aggiunta che

Chi l'ha visto è da anni un programma che non fa servizio pubblico

Una conduzione, quella del Cavaliere del Lavoro Patrizia Sciarelli, in linea con

Ancora sulla pedofilia nella chiesa cattolica e il non cambiamento del Vaticano.

Don Mauro Inzoli, il carismatico prete di Comunione e Liberazione, è stato condannato a 4 anni e 9 mesi per violenza sessuale. La sentenza è stata pronunciata mercoledì, dopo due ore e mezza di camera di consiglio, dal gup di Cremona, Letizia Platè. Il procuratore Roberto di Martino aveva

Chi era o erano il o i mostri di Firenze e che aspetto aveva o avevano?

Quando si parla del mostro, si pensa a qualcosa di minaccioso e di terrifico, una specie di orco, quello delle fiabe, il personaggio cattivo che mangia i bambini.
Ma le cose vanno realmente in questo modo?
Vediamo un pochettino.
I serial killer sono personaggi dotati di una follia molto sottile, sono intelligenti

Lavoro nei servizi pubblici a scadenza programmata

Si sente tanto parlare di reddito di cittadinanza,salari d'ingresso, vaucher, punti premi, banche del tempo, del lavoro, delle file etc. 
Insomma, siamo a riferirci a metodi che presuppongono una condivisione di

Usiamo solo il 10% del cervello? No!

E' una storia che sentiamo ripeterci da decine di anni, da scienziati e divulgatori, Piero Angela incluso. Usiamo veramente solo una parte delle nostre capacità cerebrali o mentali?
La domanda per un neuroscienziato si pone in questi termini, almeno teoricamente: per quale astruso meccanismo evolutivo, il cervello umano sarebbe stato così tremendamente sviluppato da consentire il  soggiogamento di tutto il pianeta, usandone solo una piccola parte?

Ancora sul Caso Yara Bossetti, i nostri dubbi si amplificano.

14 Gennaio 2017, riprendo per la quarta volta ilcaso Yara, con dubbi granitici.

Ultima sessione di studio sul caso Sollecito Amanda

Siamo all'ultimo incontro di questi tre, per tre ore parleremo e ci confronteremo sul casonei suoi aspetti conclusivi, sempre tenedoci ben distanti dal prenndere posizioni di qualsiasi parte, meno che mai di tipo giuridico, ché nessuno di noi puo sostenere, provenendo da studi medici e scientifici.

Archivio blog